10 Piano practice tips

Nei primi anni di studio ricordo che mi veniva ripetuto spesso: studiare e suonare non sono la stessa cosa. Io all’inizio non lo capivo, soprattutto quando i brani che studiavo non erano per me particolarmente difficili per una certa facilità innata. Con il tempo ho imparato che senza una strategia di studio è davvero difficile riuscire ad ottenere un alto livello di esecuzione del repertorio pianistico.

Quindi da docente oggi mi trovo spesso a ripetere ai miei allievi, sopratutto ai più giovani, che suonare e studiare sono due cose diverse, proprio come i miei insegnanti dicevano a me :)



Ho pensato di riassumere qui 10 consigli per migliorare la fase di studio del repertorio, sperando possano essere utili.


1. CREA UN PIANO 📝

Proprio come qualsiasi altra cosa che stai cercando di realizzare, troverai il massimo successo se hai un planning solido.

Assicurati di iniziare sempre ogni sessione di studio con un piano di studio.

Cosa speri di ottenere in questa sessione? Quali sono le strategie da mettere in atto?

Se in una sessione di studio c’è bisogno di ripulire un brano da ritmi disordinati, studiare passaggi scomodi, non ci sarà bisogno di eseguire per intero. Basterà focalizzare l’attenzione sui punti del brano che richiedono ancora molto studio.

Se invece un brano è già solido e c’è bisogno di un lavoro sulla continuità allora sarà utile eseguirlo.

Stai cercando di padroneggiare l'espressività musicale del tuo pezzo? In questo caso, non lasciarti ossessionare dal suonare tutte le note e i ritmi corretti e concentrati invece su ciò che la tua musica sta comunicando. Scoprirai che quando sposti l'attenzione sul fluire della musica, le note e i ritmi spesso vanno a posto se c’è già un lavoro fatto a monte.

Importante aver chiaro in mente quali sono gli obiettivi di quella giornata ogni volta che ci si siede davanti al nostro amato strumento.


2. STUDIA LA PARTITURA LONTANO DAL PIANOFORTE 📖

Questo è particolarmente utile quando inizi un pezzo per la prima volta, ma è anche una cosa utile da fare durante il processo di apprendimento.

Prima di iniziare un nuovo brano, prenditi il tempo per fare ogni possibile osservazione sulla musica. Pensa a tutti gli aspetti della musica come l'indicazione del tempo, l'indicazione della chiave, la diteggiatura, le variazioni dinamiche, le frasi.

Immagina i suoni e leggi la partitura come se leggessi un libro.



3. ASCOLTA REGISTRAZIONI DI QUALITÀ’ DELLA MUSICA CHE STUDI 🎧

Tieni presente che il tuo cervello è come una spugna che assorbe la musica che senti. Più lasci che assorba il suono della tua musica, più è facile tirarti fuori quella musica.

Impegnati ad ascoltare attivamente la musica che stai imparando.

L'ascolto attivo è un'attività unica che merita tutta la tua attenzione. Quando ascolti attivamente per imparare la tua musica, interrompi tutte le altre attività.

Concentrati sul suono della musica. Pensa a ciò che le tue mani potrebbero fare per far sì che quei suoni accadano. Apri la partitura e segui. Ascolta più volte per comprendere tutto ciò che accade. Ascolta interpretazioni differenti perché tutto questo bagaglio servirà, una volta imparato un brano, per riuscire a trovare una tua interpretazione. Osserva anche quali emozioni la musica che stai ascoltando ti comunica.


4. STUDIA LENTAMENTE ⏳

Studiare lentamente è probabilmente l'abilità più importante da impiegare al pianoforte. Si è tentati di voler riprodurre sempre la musica al tempo giusto, ma la magia avviene studiando lentamente.

È qui che acquisisci precisione, affini le tue capacità tecniche e alleni le mani per raggiungere la perfezione.

gif

Alcuni dicono che quando rallentano, commettono più errori. Come dico sempre ai miei allievi: se non riesci a riprodurre la tua musica lentamente, non la stai riproducendo bene quando suoni velocemente. Al contrario invece, se suoni correttamente lentamente, accelererà nel tempo e manterrai lo stesso livello di precisione che avevi con il tuo tempo più lento ma con molta più consapevolezza.






5. DIVIDI IL BRANO IN SEZIONI 🗂

A volte ha senso suonare il pezzo dall'inizio alla fine. Potresti scegliere di farlo prima, solo per avere una visione d’insieme. Ma, quando sei pronto per metterti al lavoro, suddividi la tua musica in piccole sezioni lavorabili.

Concentrati sulle frasi musicali, che si tratti di 2, 4 o 8 misure alla volta. Oppure lavora per sezioni (esposizione, sviluppo, ripresa o sezione A e B ecc.)

Qualunque sia l'approccio che scegli, trova chiari punti di partenza e di arrivo nella tua musica.

[Non fermarti alla prima pagina solo perché è la fine di quella pagina] ;)


6. MANI SEPARATE ✋🏻🤚🏻

Non aver paura di dividere le mani ogni volta che è necessario per il tuo studio.

Non è una cosa da fare solo all’inizio dello studio di un brano. Al contrario, va fatto ogni volta che ne sentiamo l’esigenza. E’ estremamente utile anche per memorizzare...ma di questo parleremo in un altro post dedicato.


7. SII COERENTE CON LA DITEGGIATURA 🎼

Non appena inizi a imparare un nuovo pezzo, trova la diteggiatura migliore che funziona per te. Uno dei modi più improduttivi per studiare è cambiare ogni volta. Quando ignori la diteggiatura corretta, stai sprecando tempo prezioso per il tuo studio, quindi dovrai solo tornare indietro e imparare nel modo giusto in seguito.

Meglio da subito studiare con attenzione alla diteggiatura!


8. ESERCITATI RITMICAMENTE E CON VARIANTI RITMICHE 📟

I metronomo, per quanto possa intimidire, è uno dei mezzi più potenti che abbiamo per poter controllare anche in fase di studio se ogni ritmo è al suo posto sotto le nostre dita. Per avere chiarezza ritmica occorre anche, magari in caso di passaggi ritmici particolarmente difficili, riflettere sulla suddivisione e aiutarsi solfeggiando.

Se un ritmo è chiaro in testa difficilmente risulterà sbagliato o poco definito suonando.

Per imparare passaggi particolarmente difficili dal punto di vista tecnico consiglio un lavoro con varianti ritmiche, o varianti di accenti. Questo aiuterà molto sia a padroneggiare il passaggio più velocemente, sia ad acquisire più padronanza ritmica in generale.

9. TROVA UNA ROUTINE DI STUDIO E SEGUILA 🗓

A volte la parte più difficile dell'esercitare il pianoforte è iniziare. È facile lasciarsi coinvolgere da un programma fitto di appuntamenti e non trovare il tempo per esercitarsi con il pianoforte.

Fai in modo che la tua pratica del pianoforte sia una parte definita della tua giornata. Pianificalo proprio come faresti per altre attività e appuntamenti importanti.

Trova un momento ottimale della tua giornata per esercitarti con il pianoforte.

Pensa alla tua giornata e trova ciò che funziona per te.

Sessioni pratiche brevi e frequenti sono spesso più produttive di sessioni non frequenti più lunghe.



10. REGISTRATI E RIASCOLTATI CON SPIRITO CRITICO 🎙

Registrarsi (anche solo con il proprio telefono) durante un’esecuzione per intero del brano su cui si sta lavorando può essere molto utile per riascoltarsi con spirito critico e prendendo appunti, con partitura alla mano. Aiuta molto a correggere piccole cose per le quali non c’è bisogno di aspettare la lezione successiva! Spesso suonando non ci si ascolta davvero e non si ha la percezione corretta di ciò che si sta facendo.





Sii paziente con i progressi e ama i momenti che trascorri di fronte allo strumento. ⏰

Non aspettarti che i progressi avvengano subito.

Tutto il tempo che dedichi allo studio del pianoforte si tradurrà in un successo a lungo termine, se hai messo in atto strategie corrette e se hai dedicato allo studio del pianoforte la serietà che merita.

E, mi raccomando, siediti davanti al pianoforte con un profondo senso di gratitudine 🙏🏻 e amore 🖤 per ciò che ogni giorno ti insegna anche su te stesso.




Sara



Post recenti

Mostra tutti

COME STUDIARE?

#Flow